Accedi al sito
Serve aiuto?
Logo

Attività » Geologia » Monitoraggio pozzi

Fondamentale in un sistema di prelievo dell'acqua dal sottosuolo è il dimensionamento dei vari componenti che lo costituiscono e il mantenimento della loro efficienza per garantire da un lato un risparmio economico e dall'altro il rispetto dell'ambiente.

A tale scopo è importante, soprattutto per impianti con pozzi più vecchi di 10-15 anni, valutare lo stato di efficienza sia mediante prove dirette (vd. prove di pozzo), sia il semplice monitoraggio dei pozzi in fase di esercizio ordinario.

Quest'ultimo sistema consente non solo di verificare l'andamento del livello piezometrico nel tempo in funzione dei periodi di pompaggio esercitati da un impianto, ma consente di effettuare valutazioni per eventuali miglioramenti dei metodi di prelievo con conseguenti risparmi energetici e allungamento della vita del pozzo.

Capita spesso, infatti, che le pompe sommerse non siano state dimensionate correttamente o che con il passare del tempo non siano più compatibili con la portata del pozzo (che tende a ridursi se non intercorrono interventi di manutenzione).

Inoltre capita di osservare, in fase di esercizio degli impianti, cicli di ON/OFF delle pompe molto frequenti (di solito comandati da sonde galleggianti o da pressostati) con conseguenti abbassamenti e innalzamenti ciclici del livello piezometrico nei pozzi (anche di diversi metri); questo tipo di prelievo "a impulsi" provoca inconvenienti in almeno due ambiti:

  • Biochimico: la continua ossigenazione nel tratto di oscillazione del livello piezometrico diventa l'habitat ottimale per lo sviluppo di batteri incrostanti con conseguente loro proliferazione che comporta scadimento qualitativo dell'acqua e rapido invecchiamento del pozzo;
  • Meccanico: l'usura delle pompe, condensatori, valvole e giunzioni dovute ai bruschi cambi di pressione che comportano la necessità di frequenti sostituzioni in emergenza delle apparecchiature associate al sistema di prelievo

Di seguito si riporta il grafico che evidenzia un tipico esempio di cattiva gestione dei prelievi.
 





Il nostro studio dispone delle seguenti attrezzature di base necessarie per eseguire le misurazioni di portata, livello piezometrico, temperatura e conducibilità dell'acqua:

 

ATTREZZATURA di BASE

  • N. 4 Levelogger per misurazione in continuo del livello piezometrico e temperatura (range escursione livello 10-100 m)
  • N. 1 Levelogger per misurazione in continuo del livello piezometrico, temperatura e conducibilità
  • N. 1 Barologger per misurazione in continuo pressione atmosferica (utile per le compensazioni barometriche)
  • N. 1 Logger A/D a due canali (analogici e/o digitali) per misurazione in continuo di portate e/o livelli 
  • Laptop per configurazione e scarico dati in campo
  • N. 2 sondini piezometrici (lunghezza m 100)